lunedì 19 ottobre 2015

Altra stagione, altro ban (per Cellino)

È stata una giornata “da manicomio” a Thorp Arch, di quelle che purtroppo si vedono ormai troppo spesso. Dopo l'esonero di Uwe Rosler e la nomina di Steve Evans a nuovo head coach, la Football League ha infatti reso pubblica la squalifica per Massimo Cellino. Il Presidente del Leeds United, in seguito alla condanna in 1° grado subita dal tribunale di Cagliari per evasione fiscale lo scorso giugno, è stato infatti giudicato non “fit and proper” ed ha subito il secondo ban della sua “avventura” inglese. Per 12 mesi, fino cioè al giugno 2016, Cellino non potrà ricoprire nessuna carica societaria, né essere una persona infuente per il club.
 
Il 14 ottobre la FL aveva già informato della decisione il chairman dello United, ma solo quest'oggi, esattamente due minuti dopo l'ufficializzazione di Evans, è stata comunicata alla stampa e quindi ai tifosi. Alla luce di ciò assume un altro significato la scelta di limitare a solo 2.000 i biglietti messi in vendita dal Leeds per le gare in trasferta. Una scelta che fa pensare a una “guerra” ingaggiata proprio con la Football League. Una guerra in cui, inevitabilmente, ci sarà solo uno sconfitta: il Leeds United Football Club.  
 
Cellino potrà fare appello contro la decisione entro il 28 ottobre e toccherà a una giuria indipendente pronunciarsi sul caso.

Nessun commento:

Posta un commento